giovedì 20 maggio 2010

indicizzazione

copio una definizione semplice e completa di indicizzazione scovata in rete. punto di partenza è la definizione dei motori di ricerca. 

tipologia dei motori
ci sono due tipologie: le web directory, organizzate in categorie, ed il motore di ricerca, che visualizza i propri risultati in base alle parole chiave proposte dal navigatore. oggi esistono anche i motori di ricerca a pagamento per inclusion o per click

motori di ricerca
l'indicizzazione sui motori di ricerca (per esempio google, inktomi, fast-all the web o altavista) viene effettuata da un software chiamato spider o crawler, che naviga continuamente per il web seguendo i link, aggiornando il loro database in base al proprio algoritmo ed estraendo tutti i dati utili alla catalogazione. il nome spiders è stato dato proprio perché tale software può essere immaginato come un "ragno" che vaga in giro sulla propria tela a catalogare le informazioni.
questi motori, quindi, sono proprio l'espressione più evidente del carattere sintattico (basato cioè sulla forma) del web attuale. in risposta alle ricerche effettuate, essi restituiscono degli elenchi dove ogni voce è caratterizzata da un titolo, un'estrapolazione del contenuto della pagina, dall'URL del sito. 

web directory   
le web direcotry  si basano su una logica completamente diversa: catalogare le informazioni in base ad un'organizzazione precisa suddivisa in argomentiategoria. dopo una richiesta di ricerca effettuata in questi motori, vengono anche restituite le sottocategorie ritenute rilevanti. la differenza sostanziale rispetto al motore di ricerca consiste nel fatto che la maggior parte delle web directory non sono gestite direttamente da un software, ma dipendono unicamente dal lavoro di persone che valutano ed inseriscono i vari siti proposti in ogni categoria. dopo una richiesta di ricerca effettuata in questi motori, vengono anche restituite le sottocategorie ritenute rilevanti.
le web directory rappresentano un'immagine web più semantica (basata sul significato), in quanto possono essere navigate per argomento.

motori di ricerca a pagamento
alcuni motori negli ultimi anni, oltre a migliorare la loro caratteristica di indicizzazione e ranking, hanno dovuto affrontare la crisi speculativa della new economy del 2000. per questo per poter sopravvivere, sono stati obbligati (oltre alle raccolte pubblicitarie) a far pagare ai webmaster l'inserimento nei propri indici. altri motori di ricerca invece, oltre ai risultati gratuiti, fanno apparire anche quelli a pagamento. sono due le modalità di pagamento:

pay per inclusion - si paga per essere inseriti negli indici in un tempo compreso, in genere, tra le 48 e 72 ore. viene assicurato anche un tempo di refresh del contenuto delle pagine altrettanto breve.
pay per click - spesso associato al keyword advertising, comporta il pagamento di una tassa ogni volta che il visitatore clicca sul link verso il sito. quanto pagato viene scalato dal budget che l'investitore mette a disposizione.
potete confrontare questa definizione con quella, pure ottima, che potete trovare qui.


Condividi questo articolo

share su Facebook Condividi su Buzz Condividi su Reddit Twitter Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 2.5 Italia License.