mercoledì 1 dicembre 2010

il re è morto! viva il re! (sottotitolo: ecco cosa significa propaganda)

la norma "anti-parentopoli" inserita nel ddl gelmini recita così: saranno esclusi dalla chiamata in un dipartimento quei candidati che siano parenti e affini "fino al quarto grado compreso, un professore appartenente al dipartimento o alla struttura che effettua la chiamata; o con il rettore, il direttore generale o con un consigliere di amministrazione dell'ateneo". grande! niente più favoritismi e clientelismi nelle nostre università! finalmente un'iniziativa positiva e pulita del nostro governo! 
attenzione, però. un po' nascosto tra due semplici virgole, ecco il saltafosso , 'u sfunna peri, come si dice dalle mie parti. è centrale, infatti, il punto in cui si specifica che il parente non può essere assunto nello stesso dipartimento, ma può esserlo all'interno dello stesso ateneo. perchè? perchè con questo emendamento è sufficiente che il professore già inserito in un dipartimento si sposti in un altro dipartimento dell’università, rendendo possibile la chiamata del parente nello stesso ateneo, o nella stessa facoltà. un'operazione per niente complicata: in molte università (valga come esempio l'art. 10 della normativa per l'ordinamento dei dipartimenti dell'università di firenze) un professore ordinario, per poter entrare o uscire da un dipartimento, è tenuto soltanto a presentare apposita domanda al consiglio di facoltà, nella quale specifichi le ragioni della sua richiesta (che - non è difficile immaginarlo - verranno di volta in volta abilmente scovate).
un semplice foglietto, e un professore ordinario potrà raccomandare tutti i parenti che vuole, purchè afferenti ad altri dipartimenti. in pratica una furbata, che non solo consente di infrangere la legge, ma che è addirittura "suggerita" all'interno della legge stessa. una farsesca tautologia giudiziaria alla rovescia, tramite la quale si nega ciò che si afferma nell'arco della stessa frase. 

il re è morto! viva il re!
 
"abbiamo dato un colpo mortale a parentopoli", dice il buon vecchio silvio. ecco cosa significa propaganda. 



ps: ovviamente questo "appunto linguistico" è solo una goccia nel mare di abomini inseriti in quello scempio che è la "legge gelmini".


Condividi questo articolo

share su Facebook Condividi su Buzz Condividi su Reddit Twitter Condividi su MySpace vota su OKNotizie salva su Segnalo vota su Diggita Condividi su Meemi segnala su Technotizie vota su Wikio vota su Fai Informazione vota su SEOTribu Add To Del.icio.us Digg This Fav This With Technorati segnala su ziczac Condividi su FriendFeed Stumble Upon Toolbar post<li>

0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 2.5 Italia License.